Skip to content

Io ascolto Commerciale

maggio 29, 2014

“Commerciale”, penso di avere sentito questo termine applicato alla musica alle superiori, dal più zarro della classe, che chiameremo Zarro, lo stesso da cui sentii parlare la prima volta di 883, e che di questa storia è solo una comparsa. Non ricordo il momento, nemmeno la situazione, ma la sensazione di sdegno si, la ricordo bene, e ricordo anche di averla provata altre volte che sentivo nominare il termine, utilizzato per definire un genere musicale, magari in qualche pubblicità alla radio per una mega discoteca del Lago di Garda, dove non mancava mai la sala commerciale. Una categoria di ordine economico per definire la musica, suonava alle mie orecchie come scandaloso, un oltraggio. All’epoca ascoltavo Metal, qualcosa di Punk, Public Enemy e Beastie Boys ed Alternative Rock, termine di comodo con cui, con un principio, questa sorta di “Alternativa” generica, come un manifesto di un partito politico, si racchiudeva un certo mondo musicale, fatto di gruppi come Soundgarden, Faith No More, Living Colour, Sonic Youth, Einstuerzende Neubauten, Thee Hypnotics, etc, insomma, quelli che trovavi su Rockerilla, tanto per intenderci. Rumore era ancora da venire, così come termini come Grunge, Post-Rock e forse anche … Indie! Un momento… Indie? Una categoria di ordine economico utilizzata per descirvere un genere musicale in base alla proprietà dell’etichetta che produce, se nelle mani di piccoli privati imprenditori o di multinazionali quotate in Borsa? Oops… a pensarci i nomi dei generi musicali sono davvero bizzarri, proviamo a racchiuderli in alcune categorie, giusto per il gusto di farlo.

Economia / Marketing: Commerciale / Indie / D.I.Y. / A.O.R.

Materiale: Rock / Metal /Electronic

Azioni: Dance /Thrash / Shoegaze /Break / Dub / Easy Listening / Beat

Luoghi: House / Garage / Ambient / Industrial / World / Lounge / Detroit / Country

Stati D’Animo: Blues

Lifestyle: Glam / Trash / Alternative / Classic / Traditional

Igiene, pulizia e cura del corpo: Punk, Grunge, Straight Edge

Nomi Di Pura Invenzione: Jazz, Ska, Gabber e forse qualche musica di origine caraibica o latino americana che prende il nome dal ritmo, oppure simpatici abbinamenti di difficile catalogazione come Electronic Body Music (E.B.M.) o Math-Core.

Sottogeneri: Curioso vedere come certi aggettivi ricorrano spesso, in più signficati. Hardcore significa sempre che è una mazzata, Post è alla premessa di qualcosa che si pone come superiore agli altri, con una certa presunzione di fondo… Mi fermo qui, non posso passare il tempo a catalogare il mondo, dall’Happy House al Funeral Doom ho una mia vita privata!

 

 

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: