Skip to content

Alessandro Ristori presenta “Ibrido”, il nuovo album pubblicato da BUMBUM Dischi, distr. edel – showcase a Roma, Giovedì 3 Maggio @ The Place

aprile 30, 2012

Alessandro Ristori con i suoi Portofinos
“Ibrido” – il nuovo album con due inediti, “La Donna Uomo” e “Sentimento” ed un intero concerto
dal 22 Maggio 2012 in cd e, disponibile da ora in digitale, da BUMBUM Dischi, distribuzione edel

Showcase a Roma – Giovedì 3 Maggio 2012 @ The Place, Via Alberico II, 27/29 – Roma – inizio ore 22.00 – ingresso libero

Per aggiornamenti date: www.alessandroristori.it

Alessandro Ristori è uno dei musicisti più attivi in Italia, ed i suoi concerti sono una costante delle estati rivierasche e non solo, conosciuto ed amato anche all’estero, dalla Russia a Montecarlo. Questo album raccoglie, oltre ai due brani inediti, una registrazione di un suo live, in cui interpreta con passione alcuni classici del repertiorio italiano, artisti come Celentano, Gaber e Modugno, ed alcuni classici del rock’n’roll americano dei 50′s e diversi brani originali.

Tracklist: 1. La Donna Uomo / 2. Sentimento / 3. live -Intorduzione / 4. Rock a beatin’ boogie / 5. Ciaò ti dirò / 6. il tuo bacio è come un rock / 7. Booganse / 8. Nel blu dipinto di blu / 9. Ciao ciao bambina / 10. Teddy girl / 11. Giorni d’estate / 12. Una fetta di limone / 13. Il ragazzo col ciuffo / 14. Volevo fare il DJ / 15. Rock around the clock / 16. Arrivederci Roma – On an evening in Rome / 17. Credi / 18. La doce vita in via Veneto – Tequila / 19. Impazzivo per te / 20. High School confidential / 21. Non m’importa del tuo amor / 22. Hound dog

ALESSANDRO RISTORI  con i suoi Portofinos – “IBRIDO” – cartella stampa

Alessandro Ristori arriva da lontano. O da vicinissimo.

Il suo Ibrido racconta una passione che ci sentiamo di condividere: quella per il rock’n’roll, inteso come forma intramontabile. Si colloca, certo, lontano da epoche chiassose e confuse come queste, in un mondo apparentemente più semplice, e contemporaneamente, essendo anche un’idea, fa parte della resistenza alle mode passeggere che è propria della musica migliore.
Prima di Ibrido, Ristori ha suonato in Italia e in Europa, con i suoi Portofinos. Le scelte hanno sempre attinto da un’Italia fremente, che nei Cinquanta e nei Sessanta guardava Oltreoceano: quella di Nel blu dipinto di blu di Modugno, ma anche del primissimo Celentano, degli urlatori, del sodalizio fra Gaber e Jannacci, quando si facevano chiamare i Corsari, delle colonne sonore firmate da Nino Rota o Piero Umiliani.
Brani senza tempo, da Ciao ti dirò a Il tuo bacio è come un rock, da Impazzivo per te a Arrivederci Roma, per guardare senza timore a classici del genere come High School Confidential (cavallo di battaglia di Jerry Lee Lewis) o Rock Around The Clock (il primo successo per i giovanissimi americani dei 50, nella versione di Bill Haley & His Comets).  Insomma, un caleidoscopio, con una serie di canzoni autografe sulla medesima linea di fuoco. Momenti decisamente malinconici e radiosi come Giorni d’estate, ironici e felicemente naïf come Dovevo fare il DJ, nervosi e affilati come Credi. I concerti hanno portato Ristori dalla sua Romagna fino a Montecarlo e a San Pietroburgo: prova inconfutabile che non siamo di fronte a un semplice operazione revivalistica o, peggio ancora, a un atto di archeologia sonora. Il suo entusiasmo lo identifica coi suoi modelli e lo rende estraneo, per essere chiari, al movimento beat odierno: meglio forse parlare di musica leggera retroattiva, suonata senza complessi di inferiorità o ossessioni per il nuovo a tutti i costi.

L’album riunisce i pezzi migliori del repertorio dell’artista, suonati rigorosamente dal vivo, con l’eccezione dei due inediti. È ibrido perché si tratta di un esordio discografico registrato sulla strada, di palco, in palco, piuttosto che nell’ambiente un po’ ovattato di uno studio di registrazione.
Una regola tradita gioiosamente da La donna uomo e Sentimento: canzoni mai sentite, nemmeno dai fan più accaniti di Alessandro Ristori.
La prima è anche il singolo apripista del progetto: descrive una donna che vuole assomigliare il più possibile al maschio, finendo per esserne quasi una parodia, o meglio, un ibrido mal riuscito. È dedicata a chi pensa che la parità fra i sessi debba anche appiattire le inevitabili diversità. La musica scelta per questa provocazione, tutt’altro che misogina, è quella dei singoli Stax dei 60, con tanto di fiati a incorniciare  chitarra, basso e batteria. Più sinuosa e languida Sentimento, in un mix di romanticismo e pop d’antan.

Ibrido scaraventa Ristori e i Portofinos verso un pubblico più vasto con le energie primitive e incantevoli del rock’n’roll.  Un genere che in realtà è uno stato d’animo, condiviso e condivisibile oggi come ieri.

About these ads
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 27 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: